lunedì 11 aprile 2016

COSMETICI CERTIFICATI Ecobio



Come si può capire se un qualunque cosmetico è certificato Biocosmesi, Ecobio, o Cosmetico biologico? Le terminologie utilizzate in etichetta sono tante e molto spesso fuorvianti; quello che tuttavia dobbiamo cercare è il logo dell’ente certificatore che riporti un numero preciso di certificato e il riferimento al tipo di certificazione che, come detto sopra, può essere: EcoBiocosmesi – Biocosmesi – Cosmetici Biologici ecc… a seconda del diverso ente certificatori.

Ma perché tutte queste diverse definizioni e loghi?

Parlando  con produttori di cosmetici sia convenzionali che biologici e anche con i consumatori, mi sono resa conto che il settore della Biocosmesi è fonte di grandi equivoci e conoscenze a volte troppo frammentate  essendo un settore non contemplato dalla normativa vigente (ebbene sì, non esiste alcuna norma – decreto – legge- che regoli questo settore) lo stesso termine Biocosmesi spesso può indicare caratteristiche anche molto diverse fra loro,

Gli enti certificatori hanno, negli anni, redatto Disciplinari Privati che differiscono fra di loro alcuni in piccola misura altri in maniera sostanziale.

Ecco che quindi, a seconda dell’organismo certificatore, il termine Biocosmetico, può significare cose diverse.

Vi sono tante categorie di certificazione, ad ognuna delle quali corrispondono determinate percentuali di Ingredienti Biologici, Ingredienti Naturali, Ingredienti di Origine Naturale, Ingredienti di Sintesi, che però non sono le medesime per tutti gli enti certificatori.

Eco-bio
 acquistare un cosmetico certificato Biocosmesi – Ecobiocosmesi – Bio, non significa che esso sia biologico al 100 % della totalità dei suoi ingredienti come molte persone credono.

In un cosmetico vi sono diverse categorie di ingredienti, e le percentuali di ingredienti biologici si riferiscono alla parte vegetale degli ingredienti che costituiscono l’intera formulazione

Ecco che diventa quindi importante, anzi fondamentale, che l’etichettatura del prodotto sia chiara e vi si possa desumere la qualità del cosmetico Biocertificato, qualunque sia l’ente che lo ha certificato. Cerchiamo quindi di scegliere prodotti che riportano in etichetta la percentuale di ingredienti biologici presenti, poiché potremmo trovarci di fronte ad un cosmetico che ha un etichetta Bio ma che contiene solo un 1 o 2 % di ingrediente biologico. Nulla di male in questo, ma è bene che chi acquista sia consapevole di COSA acquista.
Va fatta comunque una precisazione: per ottenere la certificazione, la maggior parte degli Enti Certificatori effettua severi controlli non solo sul cosmetico stesso, ma su tutta la filiera di produzione: fornitori di materie prime, impianti di produzione, aree di stoccaggio, imballaggio finale del prodotto, trasporto ecc..

Capiamo quindi che, quando acquistiamo un cosmetico certificato, possiamo avere la certezza non solo della qualità del prodotto finale ma anche della eco-sostenibilità di tutta la filiera produttiva.

E’ evidente che, dietro all’acquisto di un prodotto certificato Biocosmesi, si acquista anche la garanzia che non solo il prodotto è stato debitamente controllato e quindi certificato, ma anche tutto il “ciclo di vita”, dalla consegna della materia prima in azienda, alla consegna del prodotto finito presso l’utente finale (negozi specializzati, estetiste, erboristerie, ecc..), risponde a criteri di sostenibilità ed ecologicità.



LE MAGGIORI CERTIFICAZIONI DELLA BIO COSMESI : dagli enti certificatori italiani al COSMOS STANDARD


  • Imparare a riconoscere un cosmetico naturale distinguendolo da uno tradizionale. 
  • Metodo delle certificazioni : un bollino rilasciato da un ente terzo. 
  • Una certificazione non vale un' altra, imparare a distinguere i diversi loghi per riuscire a scegliere il prodotto che più  si avvicina alle nostre aspettative.  
Il logo della Lav , ad esempio garantisce che non sono stati fatti test su animali , ma non che il cosmetico si anaturale o biologico.
I vari enti sono nati nell' ambiente delle certificazioni alimentari , successivamente si sono evoluti nel campo della cosmesi. 
Ancora oggi orientarsi nella scelta risulta un tantino complicato in quanto non esiste un disciplinare standard europeo, ovvero una certificazione comune a livello comunitario. 
Esistono invece, diverse certificazioni per ogni singolo stato europeo. 
In attesa dello standard comune , gli adetti ai lavori hanno creato un disciplinare internazionale il COSMOS STANDARD( cosmos-standard visita ) il cui logo andrà  ad affiancare il logo delle certificazioni nazionali.  

CERTIFICAZIONI COSMETICHE EUROPEE 

ECOCERT : Francia, il principale ente di certificazioni delle produzioni agrobiologiche più  diffuso al mondo. I livelli sono due:


  • COSMETICO BIOLOGICO  


IL 95% degli ingredienti deve essere di origone naturale , il 95% degli ingredienti vegetali devono essere certificati biologici. 


  • COSMETICO ECOLOGICO. 
L 95% degli ingredienti deve essere di origone naturale , il 50% degli ingredienti vegetali devono essere certificati biologici. 
In entranbi i casi gli additivi di sintesi non devono superare il 5% in peso e selezionati da un particolare disciplinare. 

COSMEBLO associazione dei produttori bio , certificazione che si articola in : 

  • BIO : il 95% degli ingredienti sia mnaturale o di origine naturale e che il 95 % degli ingredienti vegetali siano certificati biologici. 
  • ECO: prevede che almeno il 95 % degli ingredienti  si naturale o d' origine naturale e che il 50% degli ingredienti vegetali sia biologica. 

BDIH è  la principale certificazione tedesca , rilasciata dall' associazione di categoria delle aziende cosmetiche bio. 
Il disciplinare dedicato ai cosmetici è  piuttosto rigoroso e già  oggi non ammete la minima percentuale di ingredienti di origine petrolchimica.

SOIL ASSOCIATION il più  antico ente di certificazione europeo di produzioni agrobiologiche e il più  importante del Regno Unito . Ha uno standard anche per i prodotti cosmetici che parte da un minimo di 70% di ingredienti certificati biologici.

Per quanto riguarda la mia personale scelta , oltre ai cosmetici convenzionali,  utilizzo diverse linee di aziende certificate ICEA. Per saperne di vi posto i link qui in basso.



ICEA Food & Cosmetics Check

CEA Check Cosmetics, il programma realizzato da Icea che ti permette di verificare, comodamente da casa, se gli ingredienti base del prodotto acquistato indicati obbligatoriamente in etichetta, sono compatibili con il metodo di produzione biologico. 

ICEA-CHECK buoni o cattivi? clicca per scaricare.

 per saperne di più visita il sito certificazione ICEA

sabato 5 marzo 2016

Prossimamente... Cosmesi biologica e naturale.

 Ciao amici e amiche , come avrete capito dal titolo del post , sarà  la cosmesi naturale e bio il prossimo tema che ho scelto di approfondire.
 E voi avete mai acquistato un cosmetico certificato?
Come si può capire se un qualunque cosmetico è certificato?
 Biocosmesi, Ecobio, o Cosmetico biologico? Le terminologie utilizzate in etichetta sono tante e molto spesso fuorvianti.
Si parlerà  di marchi, enti certificatori, standard della cosmesi biologica e naturale.
Fatemi sapere cosa ne pensate. Lasciate i vostri commenti nel box qui sotto.
A presto.
Francesca.



venerdì 4 marzo 2016

Estratti vegetali : Gli Oli Essenziali.

Ogni volta che sfreghiamo un rametto di rosmarino, lavanda o altre piante  percepiamo un particolare profumo che è dato degli oli essenziali,  sostanze che danno alle erbe e alle spezie il loro  caratteristico aroma, ai fiori e ai frutti la  fragranza.
Il contenuto in oli essenziali  non è uguale per tutte le piante, ma  varia da pianta a pianta.
 Gli olii essenziali sono metaboliti secondari che svolgono  una funzione di attrazione o repulsione nei confronti di insetti e altri animali, ma hanno  anche un ruolo importante nella traspirazione e nei processi vitali della pianta stessa, oltre a una funzione di difesa contro alcune patologie.

sabato 20 febbraio 2016

Fashion And Beauty Francy: Dalle piante agli oli essenziali ,le sostanze funz...

IN ATTESA DELLA SECONDA PARTE DELL' ARTICOLO NEL QUALE PARLEREMO DEGLI OLI ESSENZIALI, VI PROPONGO , PER CHI SE LO FOSSE PERSO, LA PRIMA PARTE DELL' ARGOMENTO.  Dalle piante agli oli essenziali ,le sostanze funz...: Per lungo tempo la cura delle malattie dell'uomo si è basata sull'uso delle piante medicinali. Venivano utilizzati tuttavia, metodi...

venerdì 8 gennaio 2016

La divina COSMESI di Umberto Borellini.

L' ho atteso come si attendono le cose " belle" ! Ho sperato che  arrivasse  con Babbo Natale, ma niente , mi sono detta : Ho pur fatto la brava quest' anno, sicuramente ci penserà  la Befana. Ma i giorni passavano e ho cominciato ad avere dubbi sul fatto di essermi comportata bene, ho cominciato a dubitare di tutti, postino compreso... Ottimismo tra qualche giorno è  il mio compleanno.



Stamattina gli sono andata incontro : c'è  posta per me? Gli ho chiesto con aria felice , mentre avevo già  notato la busta gialla. 
A Francesca, per arricchire i suoi Divini appunti ... Questa la dedica del Prof Borellini. 
Che si tratti di un libro diverso, lo si intuisce già  dal titolo straordinario, La divina cosmesi appunto. Mi suggerisce una traccia da far sviluppare a scuola ai miei ragazzi 😀. 
E che diverso lo è  per davvero lo scopro sfogliandolo, prima ancora di leggere anche una sola frase. Per chi si aspetta il " solito " manuale di cosmetologia rimarrà  sorpreso, la struttura , i caratteri , i colori... io adoro i colori! 
Apro una pagina, una a caso La bellezza intelligente

La vera bellezza infatti è  sempre intelligente . Intelligenza deriva dal latino intus legere , ovvero " leggere dentro" L etmologia di questa parola già  ci spiega che , solo leggendo dentro le cose , possiamo trascendere da qualunque stereotipo. L' intelligenza ci fa comprendere che non c'è  vera bellezza se non si riesce ad esprimere la propria unicità,  senza dover conformare il proprio aspetto fisico a modelli imposti dalla società  e dai media ....
Adattarsi alle aspettative degli altri , con atteggiamenti di superficialità  legati a processi di identificazione,  allontana dalla sana ricerca della propria autentica identità.  

Mi fermo, chiudo il libro, diventerà  il mio compagno di approfondimento pian piano , perché  come tutte le cose belle anche questo libro va assaporato piano, con tutti i suoi spunti di riflessione, con i suoi appunti , le novità  della bellezza e della moderna cosmetologia. 
Fatevi un regalo, la divina Cosmesi.  

Grazie prof Borellini per il suo lavoro.
Francesca.


  





domenica 3 gennaio 2016

Estratti vegetali: metaboliti primari e secondari. Cosa Sono?

Per lungo tempo la cura delle malattie dell'uomo si è basata sull'uso delle piante medicinali. Venivano utilizzati tuttavia, metodi basati sull'esperienza, non convalidate da vere conoscenze scientifiche. A partire dal secolo scorso i progressi della tecnologia hanno permesso di definire  la composizione delle piante e dei principi farmacologicamente attivi.
Oggi la fitocosmesi è un  argomento molto sentito e "chiacchierato".