domenica 3 dicembre 2017

ALMENO LA PELLE SALLA: 2 parte LA CELLULA

Caratteristiche degli esseri viventi
La biologia, che letteralmente significa “studio della vita”, è una scienza complessa che si occupa degli organismi viventi e quindi ne studia : struttura, sviluppo, ciclo riproduttivo, evoluzione, rapporti con gli altri organismi con l’ambiente.
Vediamo quali sono le principali caratteristiche degli esseri viventi :
  • Organizzazione cellulare:capacità di organizzazione strutturale, ovvero ogni essere vivente è formato da cellule e ciascuna cellula si origina da un’altra cellula vivente( teoria cellulare).
  • Sensibilità: capacità di reagire ai diversi stimoli dell’ambiente
  • Metabolismo : capacità di scambiare continuamente sostanze con l’ambiente che sta attorno tramite processi di digestione, assimilazione, escrezione, respirazione ecc.
  • Movimento: capacità di spostare l’intero corpo o sue parti.
  • Riproduzione: capacità di generare nuovi esseri viventi simili ai genitori.
  • Morte :fase finale in cui cessano le diverse funzioni vitali e a cui segue la decomposizione della sostanza organica.


La cellula: caratteristiche struttura.
Gli organismi viventi sia animali, sia vegetali sono formati da piccolissime unità biologiche chiamate cellule, e perciò anche l’uomo che animale più evoluto è costituito da una miriade di cellule protagoniste delle diverse attività vitali.

La citologia è quella scienza che studia la cellula in tutto ciò che la riguarda: caratteristiche, struttura, ecc.


In natura esistono :
Organismi unicellulari: formati da una singola cellula che quindi da sola provvede allo svolgimento di tutte le funzioni vitali ad esempio i batteri protozoi ed alcuni miceti.
Organismi pluricellulari: formate da molte, moltissime cellule che si associano in gruppi e si specializzano per provvedere allo svolgimento delle diverse funzioni vitali;nel corso dell’evoluzione questa collaborazione tra le cellule ha dato origine ad organismi pluricellulari sempre più specializzati, come l’organismo umano che è collocato al vertice della scala evolutiva.
Organismi procarioti: (Karion= nucleo) hanno un’organizzazione cellulare molto elementare; in particolare presentano un nucleo primitivo perché mancante di membrana nucleare;il materiale genetico è perciò libero nel citoplasma che non presenta a sua volta organelli citoplasmatici, ad eccezione dei ribosomi;sono di questo tipo i batteri .
Organismi eucarioti :hanno un’organizzazione cellulare molto complessa ed è specializzata; in particolare presentano un nucleo ben definito è circondato da una membrana nucleare che lo divide dal citoplasma ricco di organelli citoplasmatici; sono di questo tipo i protozoi, le piante e gli animali.
Organismi autotrofi: usano materiale inorganico per costruirsi, da soli Il nutrimento e l’energia di cui necessitano;sono di questo tipo i vegetali e alcuni batteri.
Organismi eterotrofi usano, per vivere e ricavare energia, sostanze organiche, zuccheri proteine, già elaborate da altri organismi sono di questo tipo gli animali e quindi l’uomo e gran parte dei batteri.





Ogni cellula è formata da una materia fondamentale mucillaginosa detta protoplasma( che l’insieme del citoplasma e del nucleo cellulare) che può passare reversibilmente dallo stato di SOL a quello di GEL a seconda del maggiore o del minore stato di idratazione.La sua composizione chimica è estremamente variabile e dipende da diversi fattori.


Dimensione.
Le cellule sono talmente piccole che per vederle ed analizzarle occorre uno strumento ottico che consente di ingrandirle perché invisibili ad occhio nudo.
Tale strumento è il microscopio. Il potere di ingrandimento di un microscopio ottico è di circa 400 volte i più potenti arrivano anche a 1000. 
L’unità di misura che viene utilizzata e il Micron un micron = un millesimo di millimetro.

Normalmente le dimensioni delle cellule animali oscillano da qualche micron a qualche decina di micron; fanno eccezione la cellula uovo ed alcune cellule nervose che sono di maggiori dimensioni.
La forma delle cellule varia a seconda dello stato di aggregazione e della funzione che devono svolgere.


Struttura.



La cellula è formata da tre parti principali:
  1. Membrana cellulare :delimita la cellula e la mette in contatto con l’ambiente esterno ha una permeabilità selettiva e perciò seleziona il passaggio delle diverse sostanze.
  2. Citoplasma : è formato da una sostanza fondamentale o matrice citoplasmatica e da un insieme eterogeneo di strutture dette organuli citoplasmatici, ognuno dei quali ha un compito ben preciso.
  3. Nucleo: è il cervello della cellula perciò è lui che dirige e controlla lo svolgimento di ogni funzione.

Nessun commento:

Posta un commento

I vostri commenti sono molto graditi. Grazie Francesca.