domenica 25 febbraio 2018

EFA :Gli acidi grassi essenziali.


Acidi grassi essenziali: 
Vitageno F

 La vitaminologia è molto precisa e il termine di vitamina è riconosciuto solo a determinate sostanze. 

Ciò spiega perchè nei trattati in cui sono descritte le vitamine non si ritrova la vitamina F. 
 In effetti , il cosididetto vitageno F non è
una sostanza chimicamente definita ma una miscela di tre acidi grassi polinsaturi : l'acido linoleico , l'acido linolenico , e l'acido arachidonico. 
A questa miscela si è dato il nome di" Acidi insaturi essenziali " a volta indicati dalle sigle EFA (Essential Fatty Acids)  o PUFA ( Poly Unsatured Fatty Acids). 
Il valore dietetico alimentare degli EFA è stato ampiamente evidenziato e per l'apporto di tali sostanze è raccomandato l'uso di oli vegetali e animali che le contengono oppure sono preparate capsule al cui interno è presente una miscela dei tre acidi polinsaturi. 



Gli EFA hanno avuto e hanno tuttora in cosmesi un ruolo di rilievo in veste di sostanze funzionali vitamino-simili e vengono ampiamente utilizzati in preparati protettivi ed emollienti, specie nei prodotti atti a prevenire disidratazione e screpolature della pelle. 







 EFA :Gli acidi grassi essenziali.




Considerando che,  parlando delle piante ad uso cosmetico (e in particolare delle oleaginose), sentiamo spesso parlare di  EFA, ho voluto  fare una, seppur sintetica, ricerca  di questi particolari acidi grassi.
 I semi oleosi di alcune piante (in particolare Borragine, Enotera , Ribes nero, oltre a Canapa e Rosa Mosqueta) sono fonte di importanti  quantità di acidi grassi poli-insaturi, tra cui alcuni  detti EFA  (Essential Fatty Acids) per il fatto di essere essenziali, indispensabili al buon funzionamento di numerosi processi biochimici del nostro organismo.
 La validità di questi elementi  “essenziali” è già stata da tempo confermata in campo medico e dietetico alimentare; da alcuni  anni se ne sta sviluppando l'impiego per via topica in campo cosmetico e dermo-farmaceutico.



Gli EFA e la pelle. Alla fine degli anni 90 dello scorso secolo, alcuni ricercatori hanno tracciato un quadro clinico dermatologico di quelli che potevano essere i più eclatanti disturbi cutanei con le correlati alla carenza di EFA.










 Vediamoli nel seguente elenco:



  •  Cute squamosa;
  •  Ipercheratosi devo anche sebacee;
  •  Ipertrofia delle ghiandole sebacee.
  •  Indebolimento dei capillari cutanei.
  •  Incremento della perdita di acqua per via trans epidermica (temperino; assottigliamento della pelle;
  • Scolorimento e perdita dei capelli
  • Ruolo negativo su eczema  topico, acne psoriasi


I lipidi , lo sappiamo tutti, svolgono un'importante funzione ammorbidente ai fini del buon mantenimento del mantello cutaneo. Ma mentre agli acidi grassi saturi, ai ramificati e ai monoinsaturi  non si può accreditare una specifica funzionalità, gli insaturi  del tipo linoleico, linolenico e arachidonico sono dotati di specifiche proprietà trofiche per la cute.

 Questi acidi, grazie alla loro particolare struttura molecolare con doppi legami, sarebbero dotati di una marcata aderenza alla cute tanto da essere incorporate gli stessi fosfolipidi strutturali dell'epidermide, andando così a normalizzare gli strati lipidici cellulari. 

Leggi anche :  Principali classi di sostanze organiche.
                         Acidi grassi insaturi.                    
                       Acidi grassi , trigliceridi.
                        Acido linoleico.
                        La membrana cellulare.
                        Olio di oliva.



18 commenti:

  1. Molto interessante questo articolo

    RispondiElimina
  2. Articolo molto interessante su un argomento di cui non conoscevo nulla!

    RispondiElimina
  3. Sapevo che gli acidi grassi essenziali sono importanti anche per il benessere e la bellezza della pelle, ma non pensavo avessero un ruolo così importante anche a livello di scolorimento e perdita di capelli. Se ti va di approfondire anche questo aspetto...leggerei volentieri!!!

    RispondiElimina
  4. Ammetto che di questi tre acidi sapevo solo il ruolo biologico e la natura biochimica, ma non mi sono mai soffermata a pensare al loro ruolo nella cosmesi.

    RispondiElimina
  5. Sai perché ti seguo? Perché i tuoi articoli sono interessanti soprattutto se conditi con ricerche approfondite come questa! Grazie per le preziose info ❤

    RispondiElimina
  6. Allora credo di avere una forte necessità di Vitamina F per la mia pelle disitratata

    RispondiElimina
  7. Non sapevo dell’esiste Del vitageno F ma leggendo il tuo post mi rendo conto della sua importanza

    RispondiElimina
  8. Di questi non ho mai sentito parlare! Questa volta imparo proprio qualcosa di nuovo. Grazie!

    RispondiElimina
  9. Non conoscevo il ruolo di questi acidi nella cosmesi, imparo sempre cose interessanti nei tuoi post!

    XOXO

    Cami

    Paillettes&Champagne

    RispondiElimina
  10. il tuo blog è simile a un'enciclopedia ricca di info preziose, tantissime cose non le sapevo....

    RispondiElimina
  11. Avevo trattato quest'argomento all'università, grazie per averlo trattato è stato piacevole ripassare fondamenti della cosmetologia

    RispondiElimina
  12. uh quante cose non sapevo! grazie per le info super preziose!

    RispondiElimina
  13. Non ne avevo mai sentito parlare, grazie!

    RispondiElimina
  14. Ah ecco perché si dice che la rosa mosqueta sia un ottimo ingrediente contro l'invecchiamento!

    RispondiElimina
  15. Sai che nonn avevo mai capito a cosa servissero? Adesso ho imparato :D Grazie :)

    RispondiElimina
  16. E anche questa volta ho scoperto di essere totalmente ignorante in materia! Assolutamente non li avrei mai associati allo scolorimento dei capelli.

    RispondiElimina
  17. Leggendo mi sono resa conto di quanto fossi ignorante in materia!! Salvo il post :)

    RispondiElimina
  18. Un post davvero molto interessante che mi ha fatto scoprire moltissime cose nuove di cui non ero a conoscenza, ti ringrazio moltissimo

    RispondiElimina

I vostri commenti sono molto graditi.