mercoledì 14 febbraio 2018

Ossido di zinco nei cosmetici, modifica al regolamento europeo 2017/1413 ecco cosa cambia dal 24 febbraio 2018



INCI  Zinc Oxide

CI 77947

Avevamo appena parlato della modifica sull'uso di due siliconi  (leggi la modifica) che siamo già pronti a doverci separare , almeno per certe tipologie di cosmetici dell'ossido di zinco, parliamo in sostanza di ciprie o altri cosmetici compatti ma polverulenti.


Vi riporto "fedelmente " il testo del REGOLAMENTO (UE) 2017/1413 dove sono elencate le motivazioni e le limitazioni del tanto conosciuto e diffuso ossido di zinco. 



REGOLAMENTO (UE) 2017/1413 DELLA COMMISSIONE del 3 agosto 2017 che modifica l'allegato IV del regolamento (CE) n. 1223/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio sui prodotti cosmetici (Testo rilevante ai fini del SEE)

LA COMMISSIONE EUROPEA,
visto il trattato sul funzionamento dell'Unione europea, visto il regolamento (CE) n. 1223/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 30 novembre 2009, sui prodotti cosmetici ( 1 ), in particolare l'articolo 31, paragrafo 1, considerando quanto segue:

(1) L'ossido di zinco è autorizzato come colorante nei prodotti cosmetici a norma dell'allegato IV, voce 144, del regolamento (CE) n. 1223/2009.

(2) Nel suo parere del 18 settembre 2012 ( 2 ), riveduto il 23 settembre 2014
( 3 ), il comitato scientifico della sicurezza dei consumatori (CSSC) ha concluso che l'ossido di zinco è sicuro se utilizzato, non rivestito e nella sua forma non-nano, come colorante nei cosmetici per applicazione cutanea. Il CSSC ha tuttavia anche ritenuto che, considerando l'infiammazione polmonare indotta dalle particelle di ossido di zinco in seguito ad inalazione, l'uso dell'ossido di zinco nei prodotti cosmetici che possano comportare un'esposizione dei polmoni del consumatore all'ossido di zinco desti preoccupazione.

(3) Alla luce dei pareri del CSSC, l'uso dell'ossido di zinco, non rivestito, nella sua forma non-nano, come colorante nei prodotti cosmetici dovrebbe essere limitato alle applicazioni che non possano comportare un'esposizione dei polmoni dell'utilizzatore finale per inalazione.
(4) L'allegato IV del regolamento (CE) n. 1223/2009 dovrebbe pertanto essere modificato di conseguenza.

(5) All'industria dovrebbe essere concesso un periodo di tempo ragionevole per operare i necessari adeguamenti delle formulazioni dei prodotti, in vista della relativa immissione sul mercato e ai fini del ritiro dal mercato dei prodotti non conformi.

(6) Le misure di cui al presente regolamento sono conformi al parere del comitato permanente per i prodotti cosmetici,

HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO:

Articolo 1
L'allegato IV del regolamento (CE) n. 1223/2009 è modificato in conformità all'allegato del presente regolamento.

Articolo 2

A decorrere dal 24 febbraio 2018 sono immessi sul mercato dell'Unione solo i prodotti cosmetici conformi al presente regolamento. A decorrere dal 24 maggio 2018 sono messi a disposizione sul mercato dell'Unione solo i prodotti cosmetici conformi al presente regolamento.


Articolo 3

Il presente regolamento entra in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.


Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri. Fatto a Bruxelles, il 3 agosto 2017 Per la Commissione



Il presidente Jean-Claude JUNCKER  


Fonte:     Gazzetta ufficiale dell'Unione europea



10 commenti:

  1. Secondo te quindi anche nei prodotti per bambini? Tipo le creme per pannolini?

    RispondiElimina
  2. Paola, no nelle emulsioni non crea nessun problema in quando non comporta rischio di inalazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa tua questa tua risposta mi rasserena usando quasi quotidianamente crema a base di zinco per isolare il culetto della mia bimba

      Elimina
  3. Su queste novità non sono aggiornata dunque grazie per le news! Buono a sapersi!

    RispondiElimina
  4. ne prendo atto, ma mi chiedo su che studi si sono basati per decidere una cosa del genere. E questo mi fa anche capire che si stanno cominciando a puntare i riflettori sulla cosmetologia che finora era abbastanza libera.....

    RispondiElimina
  5. grazie per averci avvertite di questa novità!

    RispondiElimina
  6. Non avrei mai pensato a tante novità in tale ambito

    RispondiElimina
  7. che bello leggerti!! Ci informi di un sacco di cose!!

    RispondiElimina
  8. grazie per qst nuova regola :9 non ne ero a conoscenza

    RispondiElimina
  9. Ciao! Il grande problema è per la maggior parte dei fondotinta minerali in commercio di aziende italiane e anche straniere....

    RispondiElimina

I vostri commenti sono molto graditi. Grazie Francesca.