domenica 25 marzo 2018

Piante officinali per il trattamento della caduta dei capelli.


Rimedi erboristici. 
In commercio esistono vari preparati a base di estratti di piante officinali  per attenuare la caduta dei capelli e che possono essere utilmente accoppiati ad un trattamento farmacologico per alleggerirne gli effetti collaterali. L’unico inconveniente però risiede nella variabilità della concentrazione dei principi attivi nei diversi estratti anche della stessa pianta e nella carenza di percentuale di titolazione/standardizzazione delle metodiche di estrazione.
 Comunque sia la pianta più
utilizzata è la Serenoa repens (Sabal serrulata o Saw palmetto) che, se assunta per via orale, è capace di potenziare l’azione topica degli altri rimedi. Il suo principio attivo più importante è il ß-sitosterolo facente parte del gruppo dei fitosteroli e l’efficacia del fitocomplesso dipende dalla sinergia di più meccanismi d’azione quali l’antagonismo selettivo locale del legame tra DHT e recettore per gli androgeni, l’inibizione dell’enzima 5-α-reduttasi e del recettore degli estrogeni e la funzione antinfiammatoria.
 Il risultato è che vengono favoriti la mitosi delle cellule del bulbo, il mantenimento della fase anagen e il perfezionamento di quella catagen. Anche la radice di Urtica dioica (ortica) e il Pygeum africanum (prugno africano) svolgono funzioni simili a quelle della Sabal serrulata, ma con minor efficacia. Inoltre l’ortica esercita un’azione sebo-normalizzante, antinfiammatoria e antiossidante in quanto contiene polifenoli, vitamina C ed oligoelementi (ferro). Viene generalmente impiegata con il Pygeum africanum poiché hanno effetto sinergico. Gli isoflvoni della soia, invece, si comportano come deboli estrogeni perciò contrastano l’eccesso di estradiolo, testosterone e DHT occupandone il recettore. Occorre tuttavia porre attenzione nelle donne in età fertile poiché possono interferire con il ciclo mestruale.
Il Tè verde esplica una potente azione antiossidante dovuta alla presenza di flavonoidi, vitamina C, oligoelementi (zinco e ferro) e soprattutto tannini (catechine e polifenoli). Inoltre ha proprietà inibitrice l’attività della 5-α-reduttasi, antinfiammatoria e stimolatrice nei confronti della circolazione sanguigna nei pressi del bulbo.
 Gli estratti del seme d’uva possiedono proprietà antiossidanti grazie alla presenza di polifenoli come proantocianidine oligomeriche, che svolgono un’azione vaso protettiva. Possono prolungare la fase anagen del capello e favorire la riepitelizzazione del cuoio capelluto. Infine lievito di birra, germe di grano e miglio possono costituire una valida integrazione orale di aminoacidi, vitamine, oligolementi e antiossidanti essenziali per il trofismo dei capelli. 

Leggi anche: 

La caduta dei capelli.
Alimentazione e capelli.


Serenoa repens.

15 commenti:

  1. sono informazioni molto utili, è sempre un piacere leggerti

    RispondiElimina
  2. Io bevo spesso il tè verde ma anche integratori specifici per i capelli.

    RispondiElimina
  3. Grazie per queste tue dritte
    Non ne avevo idea

    RispondiElimina
  4. Ottimi consigli, ho preso nota di tutto
    Alessandra

    RispondiElimina
  5. Per fortuna non soffro molto di questo problema..

    RispondiElimina
  6. grazie per questi preziosi consigli, giro il post anche ad un'amica :)

    RispondiElimina
  7. Io invece ne perdo tantissimi e sto provando di tutto per cercare di attenuare un po la cosa...

    www.amemipiacecosi.com

    RispondiElimina
  8. Sempre molto utili i tuoi post, complimenti

    RispondiElimina
  9. Informazioni davvero molto utili. Articolo super interessante. Complimenti

    RispondiElimina
  10. Si tratta di un problema fastdioso di cui fa piacere conoscere rimedi!

    RispondiElimina
  11. cosa consigli, invece, per il rinfoltimento (se esiste mai qualcosa?)

    RispondiElimina
  12. Io sono una fan dei rimedi naturali, quindi prendo nota! E' sempre utilissimo leggerti :)

    RispondiElimina
  13. interessante questo tuo articolo, in questo periodo i miei capelli si sono indeboliti parecchio.... forse perchè ho fatto due colorazioni troppo ravvicinate....

    RispondiElimina
  14. Sono sempre molto attenta sul tema capelli e dintorni e sapevo dell'importanza di alcune piante officinali per quanto riguarda i periodi di caduta libera dei capelli. Il te verde però ignoravo facesse così bene

    RispondiElimina
  15. con le piante si può fare davvero di tutto! ma che figata

    RispondiElimina

I vostri commenti sono molto graditi.