Visualizzazione post con etichetta legge 713/86. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta legge 713/86. Mostra tutti i post

martedì 13 dicembre 2011

Vigilanza e Cosmetovigilanza


Il ministero della Salute ha il compito di assicurare la sicurezza dei prodotti cosmetici presenti sul mercato, per questo opera su due fronti: raccogliendo e verificando eventuali segnalazioni di reazioni avverse dovute all’impiego di prodotti cosmetici regolari, cioè conformi alla L. 713/86; sorvegliando sul territorio per verificare e contrastare la vendita e la distribuzione di prodotti cosmetici irregolari, cioè non conformi alla L. 713/86.  Entrambe le attività rientrano nella funzione di vigilanza che il Ministero svolge e si definisce:  cosmetovigilanza  il sistema di controlli relativi alle reazioni avverse;  sorveglianza  il sistema di controlli relativi alle irregolarità dei prodotti. La segnalazione al ministero della Salute di eventuali reazioni avverse relative all’utilizzo dei cosmetici (cosmetovigilanza) è un diritto e un dovere di tutti i cittadini, e gli operatori del settore dell’estetica professionale (a continuo contatto con i prodotti cosmetici) rappresentano una risorsa in questo senso.   

domenica 27 novembre 2011

COSMETICO

Cosmetico
Prodotto atto a curare l'aspetto estetico del corpo umano.
I cosmetici si dividono, in rapporto alla loro funzione, in:
1)       cosmetici igienici (saponi, bagni, latti e creme detergenti),
2)      eutrofizzanti (creme nutritive, protettive, da notte, idratanti, ecc.),
3)      estetici (deodoranti, rossetti per labbra, belletti, ecc.);
In rapporto alle forme di preparazione in:
  • solidi (polveri, ciprie, talchi, ecc.),
  • liquidi (lozioni, latti, acque, ecc.),
  • pastosi (unguenti, creme, gelées, ecc.),
  • spray (lacche per capelli, deodoranti, ecc.).
I cosmetici sono "… le sostanze e le preparazioni, diverse dai medicinali, destinate ad essere applicate sulle superfici esterne del corpo umano (epidermide, sistema pilifero e capelli, unghie, labbra, denti, organi genitali esterni), oppure sui denti e sulle mucose della bocca allo scopo, esclusivo o prevalente, di pulirli, profumarli, modificarne l'aspetto, correggere gli odori corporei, proteggerli o mantenerli in buono stato." (art. 1 -L. 713/86- testo integrato).
Inoltre "... i prodotti cosmetici non hanno funzionalità terapeutica e non possono vantare attività terapeutiche" (art. 2 -L. 713/86- testo integrato).