Visualizzazione dei post in ordine di pertinenza per la query le forme cosmetiche. Ordina per data Mostra tutti i post
Visualizzazione dei post in ordine di pertinenza per la query le forme cosmetiche. Ordina per data Mostra tutti i post

giovedì 8 febbraio 2018

Le forme cosmetiche: soluzioni, emulsioni , spray.

   Le forme cosmetiche.  
Fanno riferimento a una classificazione dei prodotti cosmetici, in base alla forma fisico-chimica in cui appaiono..
Vediamo i principali esempi di forme cosmetiche che troviamo  in commercio.




Soluzioni 

Si tratta di miscele omogenee costituite da un componente disperso (soluto) in un mezzo

giovedì 15 marzo 2018

Formulazioni cosmetiche e idroliti: Il tonico.

Tipologie cosmetiche.

Formulazoni monofasiche 

  • Idroliti 
  • Oleoliti 
Formulazioni bifasiche 
  • Emulsioni di olio in acqua O/A 
  • Emulsioni di acqua in olio A/O
  • Emulsioni miste A/O/A oppure O/A/O
  • Scub e gel 

lunedì 8 luglio 2019

Condizionanti per capelli.


Prodotti da applicare dopo lo shampoo. 

Trikho il capello 
I condizionanti.

Il mercato offre una vasta gamma di prodotti da utilizzare dopo lo shampoo, in grado di rendere i capelli pettinabili, morbidi e lucenti.
Questi prodotti contengono sostanze ad azione condizionante in grado cioė di fissarsi sulle squame intrappolando sostanze  ristrutturanti all'interno della cuticola.
Ricordiamo che la cuticola è lo strato più esterno del capello ed è formato da 6-8 strati di cellule corneificate disposte come le tegole di un tetto: Il tutto forma una struttura estremamente protettiva.
La cuticola è molto resistente ma può venire danneggiata da eventi fisici: calore, sfregamento, attrito, radiazioni UV e da sostanze chimiche: tensioattivi,

domenica 27 novembre 2011

LE FORME COSMETICHE

Fanno riferimento a una classificazione dei prodotti cosmetici, in base alla forma fisico-chimica in cui appaiono.
Riportiamo di seguito i principali esempi di forme cosmetiche

domenica 16 dicembre 2018

Il manuale di cosmetologia Dalla dermocosmesi funzionale alla cosmeceutica di Umberto Borellini.

Il manuale di cosmetologia   

Dalla dermocosmesi funzionale alla cosmeceutica di Umberto Borellini.  

Il primo post della serie Ci piace ho deciso di dedicarlo non a caso ad un libro. 
Parto da una frase che l'autore del libro, il Prof Umberto Borellini, scrive sulla sua pagina Facebook citando Longanesi: Un uomo che legge ne vale due. 

venerdì 29 dicembre 2017

Cellulite e adiposita' localizzate: Cosa sono e come scegliere i trattamenti adeguati.📖


Teniamoci pronte carissime perché a breve , appena finite le feste assisteremo al solito tormento della pubblicità che punterà non più,  come in questi giorni , sui profumi , gioielli o cosmetici adatti come regali, ma a fare leva su quel nervetto scoperto che in particolare noi femminucce abbiamo che é la cellulite.
In effetti siamo ben lontane dalla tanto temuta prova costume, in questo mese nevoso in effetti a tutto pensiamo tranne che alle nostre coscette 😂.

venerdì 12 gennaio 2018

Come riconoscere gli ingredienti nei cosmetici? Guida pratica alla lettura dell'INCI. Recensione libro di Giulia Penazzi.


COME SONO FATTI I COSMETICI GUIDA PRATICA ALLA LETTURA DELL'INCI  : RECENSIONE DEL LIBRO. Dalla mia mia libreria oggi  vi parlo di uno dei libri di Giulia Penazzi, laureata in farmacia con il titolo di dottore di ricerca in Biotecnologia degli alimenti e la specializzazione in Scienza e tecnologia cosmetiche all'Università di Ferrara.  Un testo che non potete farvi mancare se vi occupate di cosmetici. 


domenica 22 aprile 2018

Elementi di tricologia e cosmetologia, domande e risposte.

                       

Gli appunti di oggi sul quaderno di cosmetologia non sono altro che una raccolta di domande e risposte relative ai moduli di cosmetologia e tricologia.  Spero ti possano essere utili.  Se cerchi approfondimenti prova a dare un'occhiata QUI. Sai inoltre che puoi sfogliare il quaderno degli appunti di cosmetologia QUI.
Hai domande? scrivimi una mail, alla tua destra trovi il modulo dei contatti. 
E ora? 

domenica 17 dicembre 2017

Esfoliazione tecnica di bellezza: Parliamo degli scrub.

L’esfoliazione come tecnica di bellezza.


Me lo avete chiesto in tante, parlare dell’esfoliazione. E’ necessaria? Quali sono i prodotti adatti?
La mia risposta è si l’esfoliazione è  una necessaria tecnica di bellezza per la nostra pelle.

Vediamo insieme di cosa si tratta.

A livello cutaneo l’esfoliazione realizzata con prodotti cosmetici promuove il distacco dello strato corneo più superficiale, di conseguenza viene accellerato il rinnovamento dell’epidermide, quel processo fisiologico è in grado di garantire sempre il mantenimento della funzione barriera.

mercoledì 8 maggio 2019

Lipidi, oli burri e cere nei prodotti cosmetici.

oli burri e cere nei cosmetici


I lipidi(grassi) sono componenti essenziali all'interno delle formulazioni dei prodotti cosmetici. materie prime in grado di ripristinare le normali condizioni cutanee, apportando i componenti necessari per ricostruire il Natural Moisturizing Factor (NMF) e ristabilire la corretta idratazione, ma sopratutto di fornire alla pelle gli elementi in grado di ristabilire l'equilibrio idrolipidico...


                   Lipidi, le sostanze grasse nei prodotti cosmetici.


giovedì 23 novembre 2017

COSA E' UN COSMETICO?


COSA SONO I COSMETICI   
















Li usiamo ogni giorno, più volte al giorno.Solo la mattina prima di uscire da casa, ne utilizziamo almeno 5-6 tipi diversi e durante la giornata arriviamo a impiegarne più di 10. Basta fare il conto: dentifricio, sapone, deodorante, crema viso, prodotti per il trucco, schiuma da barba, crema corpo. E l’elenco potrebbe continuare.

Stiamo parlando dei cosmetici, prodotti ormai diventati indispensabili per il nostro benessere e lacura del nostro corpo. Aiutano, infatti, a sentirci bene e a nostro agio con noi stessi e con gli altri, a ogni età e in ogni condizione (basti pensare allo shampoo, al detergente e perché no, al deodorante). O sono preziosi alleati della nostra salute come nel caso dei dentifrici e dei prodotti solari.

mercoledì 28 dicembre 2011

Materie prime nei cosmetici LE SOSTANZE COLORANTI. 1

LE SOSTANZE COLORANTI 


L’utilizzo dei coloranti in cosmetologia risponde a svariati obiettivi e non è legato esclusivamente ai prodotti da makeup. I coloranti possono essere utilizzati per mascherare delle colorazioni sgradevoli, derivanti ad esempio dall’utilizzo di estratti vegetali, oppure per differenziare prodotti simili,ma dotati di diverse proprietà, facilitandone il riconoscimento.Tuttavia il marketing ci ha insegnato che il colore dei prodotti è uno degli elementi che influenza maggiormente il processo di acquisto da parte dei consumatori e questo fenomeno si
spinge ben oltre il packaging, soprattutto nella nostra società, così attenta ai dettagli sensoriali dei prodotti. Pertanto i coloranti sono in grado di esaltare le caratteristiche dei cosmetici, al pari dei profumi e della texture, e rappresentano uno strumento fondamentale di vendita, al quale i produttori e i distributori devono rivolgere un’attenzione sempre maggiore. Le industrie che lavorano nel settore dei coloranti devono rispondere a delle richieste sempre più complesse ed articolate da parte dei produttori di cosmetici, dovendo studiare separatamente due livelli di utilizzo delle risorse cromatiche, riferite al prodotto e alla confezione.

Se si considera il prodotto, i problemi principali riguardano l’uniformità di colore tra lotti differenti e le variazioni cromatiche nel tempo. Per quel che riguarda invece l’imballaggio, bisogna assicurarsi una certa uniformità di colore sui diversi materiali che costituiscono i contenitori primari e secondari: non è sempre facile riuscire ad ottenere esattamente lo stesso colore sul vetro, sul metallo, sulla plastica e sul cartone, materiali che caratterizzano le confezioni sempre più elaborate dei nuovi cosmetici. Questa difficoltà dipende principalmente dal fatto che il concetto di superficie va oltre il semplice colore e fa riferimento non solo alla dimensione cromatica dell’oggetto, ma anche alle sue caratteristiche microstrutturali, che influenzano direttamente i processi di assorbimento e riflessione della luce. Basti pensare all’effetto ottico che si ottiene applicando la stessa tonalità di rosso alla carrozzeria lucida di un’autovettura piuttosto che ad una tenda di velluto.

sabato 27 gennaio 2018

Cosa sono i cosmeceutici.


Il termine cosmeceutico, coniato da Albert M.Kligman agli  inizi degli anni ’80 (1984), sta ad indicare una categoria di prodotti cosmetici caratterizzati dalla presenza, nella  formula, di ingredienti   biologicamente attivi, di origine sintetica o naturale (animale o vegetale), con azione simil farmacologica.

giovedì 6 dicembre 2012

A proposito della MaGiA delle EMULSIONI

Lo confesso, seppur dopo tanto tempo, fare l'emulsione entusiasma sempre e ancora  anche me!! 
A volte mi piace dimenticare la teoria dei fluidi, la tensione superficiale, gli emulsionanti e le micelle (il che è abbastanza facile in quanto invisibili ad occhio nudo) e vivere il veder comparire la crema come qualcosa di magico e misterioso!!! 
Tra le forme cosmetiche, l'emulsione a mio parere ha un fascino tutto suo. 
E' vero la teoria ci insegna tutto, ci svela tutto, ma.... ditemi se non vi "emoziona" veder comparire la vostra cremina bianca dall'unione di due (o più) sostanze non miscibili?  





Oli, burri, cere.... Acqua, gelificanti, umettanti.... emulsionanti e poi...... un'emulsione bianca, candida, che non ha nulla del "giallo" dei lipidi, che non è trasparente come l'acqua!! No bianca ... come la neve che hanno annunciato tra domani e sabato su Gorizia. 




venerdì 2 novembre 2018

Fusioni lipidiche anidre e stick labbra, come si fa il burro cacao.

Come si fa il burro di cacao?

 Ciao , sono veramente felice di averti qui nel nostro primo esperimento per capire come è fatto un cosmetico. 
Una piccola premessa prima di iniziare , piccola piccola , prometto che non ti annoierò, nel caso dovessi dilungarmi troppo bloccami !
I cosmetici, lo avrai notato anche tu , hanno diverse forme: alcuni sono liquidi , altri pastosi, altri sono dei gel o in spray, altri ancora sono solidi in forma di stick. 
Proprio questi solidi in forma di stick sono chiamate fusioni lipidiche anidre. Si anidre , ovvero senza acqua , infatti per ottenere questi cosmetici , come vedrai a breve non occorre acqua . 
Un esempio di fusioni lipidiche anidre sono ad esempio i correttori , i deodoranti(quelli solidi ovviamente) e gli stick per le labbra. 
Per ottenere questi cosmetici si fondono insieme lipidi (oli, burri e cere) insieme ad altri ingredienti , ma fondamentali sono i fattori di consistenza , le cere . Questi hanno un alto punto di fusione, cioè c'è bisogno di molto calore affinchè si fondano. 
Questo è molto importante in quanto ci permette di usare il prodotto senza che ci si sciolga in mano!!! 
Gli stick infatti

sabato 14 aprile 2018

Nastruzio


Nasturzio

 Sinonimi: Crescione, Sisimbrio.
 Nome botanico: nasturtium officinale r. br. [Cruciferae (Brassicaceae)].
 Inci name: nasturtium officinale. Nome inglese: watercress
 Componenti principali fitocomplesso: glucosidi solfotiocianici (gluconasturzina), sali minerali (ferro, rame, zinco, zolfo), vitamine (K). Parti usate: foglie (parti aeree fresche), pianta intera fresca (estratto, succo). Funzione: antiforfora, rubefacente (glucosidi solfotiocianici), stimolante

domenica 27 novembre 2011

Solubilizzanti

Solubilizzanti
Alcune forme cosmetiche, tra cui i gel e i tonici, talvolta richiedono l’incorporazione di ingredienti liposolubili in mezzi acquosi (nei quali risultano poco solubili). Le principali sostanze da solubilizzare sono dei funzionali lipofili (ad es. proteine), degli oli essenziali, dei profumi.
Gli agenti solubilizzanti generalmente sono dei tensioattivi solubili in acqua, che al di sopra di una certa concentrazione  si organizzano in micelle, disponendosi con le catene lipofile rivolte verso l’interno e le teste idrofile verso il mezzo acquoso. A questo punto gli ingredienti liposolubili vengono incorporati all’interno delle micelle (nella parte lipofila) e vengono pertanto solubilizzati, generando una soluzione limpida e stabile. 
Spesso si ricorre all’utilizzo contemporaneo di due tensioattivi , inoltre l’aggiunta di un cosolvente (alcol, glicoli, poliglicoli) aiuta il processo di solubilizzazione, riducendo la quantità di tensioattivo necessaria.
Tra i principali agenti solubilizzanti ricordiamo: polisorbati, olio di ricino etossilato, alcoli grassi etossilati, alcoli etossilati e propossilati, esteri dell’acido fosforico etossilati, copolimeri…      

sabato 14 aprile 2018

Salvia


Salvia

 Sinonimi: Erba sacra, Salvia domestica, Salvia maggiore.
  Nome botanico: salvia officinalis l. [Labiatae (Lamiaceae)].
 Inci name: salvia officinalis. Nome inglese: sage
 Componenti principali fitocomplesso: flavonoidi (luteolina), olio essenziale (cineolo, tujone), tannini, triterpeni (acido oleanolico)
 Parti usate: foglie (estratto acquoso, estratto glicolico, estratto idroalcolico, estratto oleoso, olio essenziale). Funzione: antibatterica, antiossidante (estratto) (acido carnosico, acido labiatico), astringente (tannini), coadiuvante nella prevenzione della caduta dei capelli, corpo odoroso (fragranza)

Fragola


Fragola 

Sinonimi: Fragola dei boschi, Fravolaria.
 Nome botanico: fragaria vesca l. (Rosaceae). Nome inglese: strawberry
Componenti principali fitocomplesso: acidi organici, acido ascorbico, antocianosidi, flavonoidi. Parti usate: foglie, frutti freschi acerbi (polpa, succo), rizomi (decotto).
 Funzione: ammorbidente (succo), antirughe (polpa), astringente [frutto (medicina popolare)], biostimolante cutanea (polpa, succo), dermopurificante, esfoliante (polpa, succo), rinfrescante (frutto), tonificante (succo).
 Indicazioni:

Tiglio


Tiglio

 Sinonimi: Tiglio a foglie piccole. Nome botanico: tilia cordata mill. (Tiliaceae) (Europa).
Inci name: tilia cordata. Nome inglese: linden
Componenti principali fitocomplesso: mucillagini, flavonoidi.
Parti usate: fiori (acqua distillata, estratto acquoso, estratto glicolico, olio essenziale), brattee. Funzione: antiarrossamento (estratto) (mucillagini), emolliente (estratto) (mucillagini), filmogena (mucillagini), idratante (estratto) (mucillagini), lenitiva (acqua distillata) (bagni, lavande), protettiva cutanea, rinfrescante (acqua distillata), tonificante.